Milano Malpensa

Oro dai Visconti agli Sforza

Museo Diocesano - dal 30/09/2011 al 29/01/2012

Dal 30 settembre 2011, il Museo Diocesano di Milano aprira' le proprie sale a tesori di inestimabile valore e di straordinaria qualita', alcuni dei quali mai esposti prima. Fino al 29 gennaio 2012, la mostra dal titolo "ORO dai Visconti agli Sforza. Smalti e oreficeria nel Ducato di Milano", curata da Paola Venturelli, esplorera', per la prima in Italia, l'evoluzione dell'arte orafa a Milano tra il XIV e il XV secolo, attraverso 60 capolavori, tra smalti, oggetti d'oreficeria sacra e profana, codici miniati provenienti dai piu' prestigiosi musei e istituzioni italiani e internazionali, come la National Gallery di Washington, il Louvre di Parigi, il Muse'e Massena di Nizza, la collezione Valencia de don Juan di Madrid, la Cattedrale di Essen (Germania). L'eccezionalita' dell'esposizione e' testimoniata dal fatto che, in virtu' della loro fragilita', molti dei pezzi presentati escono per la prima volta dal museo che li conserva e dove, in alcuni casi per timore di essere danneggiati dalla luce, non vengono esposti al pubblico. Il mecenatismo dei Visconti, alla fine del XIV secolo, rese Milano il centro artistico piu' attivo e importante dell'epoca, famoso in tutta Europa. Nel 1360, Gian Galeazzo Visconti fece erigere il castello di Pavia, trasformandolo ben presto in uno scrigno di codici, miniati dai piu' famosi maestri del tempo, come Giovannino de' Grassi e Michelino da Besozzo, pittore e miniatore, qui con il codice Elogio funebre di Gian Galeazzo Visconti, con la raffigurazione dell'incoronazione a Duca di Gian Galeazzo Visconti, proveniente dalla Bibliothe'que Nationale di Parigi, e col foglio miniato Dama con falcone, dal Louvre di Parigi. Proprio a Gian Galeazzo Visconti (1351-1402) e alla figlia, la bella Valentina, sposa di Luigi d'Orle'ans, fratello del re di Francia, si legano alcuni gioielli, realizzati con la tecnica a smalto detta en ronde-bosse, in cui lo smalto e' steso sopra l'oro lavorato a rilievo, creando cosi' delle micro sculture, caratterizzate da soggetti naturalistici, anche in senso araldico, come la tortorella su un sole raggiato e il motto À bon droyt, che tradizione vuole creato da Francesco Petrarca. Dopo la morte dell'ultimo erede Visconti, Filippo Maria, che porto' al grande saccheggio del Castello Visconteo e alla dispersione del tesoro, la tradizione orafa milanese seppe continuare anche sotto la dinastia degli Sforza, com'e' testimoniato dal Tabernacolo realizzato per la cattedrale di Voghera (1456 circa; ora nelle Civiche Raccolte d'Arte Applicata del Castello Sforzesco di Milano), le cui forme tardogotiche ricordano l'architettura del Duomo di Milano. Un rinnovato vigore segno' il ducato di Ludovico il Moro che ricostrui' il tesoro dinastico, la cui bellezza e ricchezza riusci' a stupire una raffinata collezionista quale Isabella d'Este, signora di Mantova. Sono anni che vedono la presenza di Caradosso Foppa, maestro di Benvenuto Cellini, orefice abile nell'arte degli smalti, ma anche quella di Leonardo da Vinci che si dilettava nella creazione di cinture e borsette, studiando gli smalti e altri materiali per produrre perle finte e oggetti preziosi. Alcune opere in mostra ricordano il passaggio a Milano del genio toscano del Rinascimento, come la piccola anconetta del Museo Correr di Venezia, esposta per la prima volta, che cita la Vergine delle rocce, o la Pace con il Cristo in smalto azzurrato proveniente da Lodi. Proprio la tecnica a smalto e' una delle caratteristiche piu' riconosciute dell'oreficeria visconteo-sforzesca. In particolare, gli artisti milanesi sperimentarono lo smalto "a pittura", la cui qualita' realizzativa spesso gareggiava con la miniatura. Ne e' un esempio, il medaglione apribile che arriva dalla collezione Valencia de Don Juan di Madrid, con la Deposizione della croce che si staglia sulla raffigurazione della basilica milanese di San Lorenzo, un'opera eseguita affinche' il fedele potesse ripercorrere gli episodi della Passione di Cristo, o ancora il Tabernacolo Pallavicino (ante 1495), proveniente dal Museo Diocesano di Lodi, donato alla cattedrale della citta' dal vescovo Carlo Pallavicino, ricco di smalti e corredato da statuette d'argento, che si avvicinano alla bottega dei Mantegazza, grandi scultori del Rinascimento lombardo che dimostra quanto l'oreficeria sia in stretto dialogo con l'architettura del momento. Attraverso una serie di cinture ravvivate da inserti smaltati, l'esposizione testimoniera' inoltre quanto gli artisti orafi contribuirono all'evoluzione della moda milanese, completando le invenzioni di Beatrice d'Este, la giovane moglie di Ludovico il Moro. E sempre legato alla figura di Beatrice e' il raro codice, proveniente dalla Biblioteca Trivulziana di Milano, il Canzoniere per Beatrice d'Este, scritto dal poeta Gasparo Visconti (1495-1496). Chiudono idealmente l'esposizione i Tarocchi della Pinacoteca di Brera, carte da gioco, con fondo d'oro puntinato sul quale campeggiano personaggi abbigliati alla moda in uso nella corte del Ducato di Milano. Accompagna la mostra un catalogo Silvana Editoriale.

Vai al sito ufficiale

CERCA E PRENOTA
Camera 1
Camera 2
Camera 3

Cancella prenotazione

Seguici su