Torino

Grande prosa 11-12

Teatro Erba, Teatro Gioiello e Teatro Alfieri - dal 03/01/2011 al 06/05/2012

Questo cartellone s'inserisce nell'ambito della volonta' di servire ed educare gli spettatori, ascoltandone le richieste, e si conferma "luogo" di proposte qualitativamente valide e abbracciate da un pubblico ampio che rispecchia l'anima del progetto Torino Spettacoli. Il lavoro in funzione di un'apertura per creare uno scambio libero con un auditorio rappresentativo di ambiti diversi. Lo sguardo dei creatori, di cui la Grande Prosa offre una scelta panoramica, sia attraverso opere originali, sia con la rilettura del repertorio, ci permette di riflettere in un clima espressivo aperto a scritture artistiche differenti e alla contaminazione dei segni, che lascia spazio a lavori di fascinazione, alla forte comprensione dell'attimo, alla magia delle utopie di mondi possibili. Sono felice che il pubblico si accosti alla Grande Prosa, come appassionato oppure come "neofita", attratto da una singola proposta, o ancora, perche' educatore o operatore del settore. Gli spettatori ci raccontano che si sono divertiti, oppure commossi, o ancora che sono rimasti sorpresi da una lettura registica piuttosto che da un'interpretazione: da tutti emerge che hanno PARTECIPATO all'emozione teatrale. Emozione nella quale credo, da tutta la vita: credo nel teatro come evento totalizzante e che l'evento teatrale si costruisca insieme: partecipatori, dunque, e non solo osservatori da una parte e venditori dall'altra. Lo spettatore ha il diritto di essere motivato ad andare a teatro per migliorare l'input-output della propria quotidianita', per provare un coinvolgimento, o un rifiuto, ma che sia sempre un moto interiore, un arricchimento della propria cultura e personalita'. Mi piace considerare il teatro UN RISCHIO DELL'ANIMA, una sorta di filtro tra la vita e il trascendente.

Vai al sito ufficiale

CERCA E PRENOTA
Camera 1
Camera 2
Camera 3

Cancella prenotazione

Seguici su