Un castello esoterico nascosto in collina

Alla scoperta della Rocchetta Mattei con gli alberghi del gruppo Space Hotels


L’Italia non finisce mai di sorprenderci. Sembra di aver visto tutto, di aver visitato ogni museo internazionale, visto ogni mostra d’avanguardia, ammirato ogni vicolo storico e poi… spunta qualcos’altro. Meglio, spunta qualcosa che è sempre stato sotto il nostro naso, ma non eravamo pronti a scoprire. Questo è quello che si prova intravedendo le torri di Rocchetta Mattei che spuntano da una modesta altura fra gli alberi intorno a Riola, comune di Grizzana Morandi, a breve distanza da Bologna e da Firenze. Il Castello, costruito dal Conte Mattei a partire dalla metà dell’800 e i cui lavori sono proseguiti per oltre un secolo, è un’opera grandiosa, a tratti folle ma indiscutibilmente affascinante. Il Castello è visitabile solo dietro prenotazione ed è facilmente raggiungibile dagli alberghi del gruppo Space Hotels che si trovano a Bologna e a Firenze prenotabili attraverso il numero verde gratuito 800.813.013, il sito e il gds.

 

La storia narra che il Conte Mattei, dopo un inizio della vita dedito alla politica, venisse duramente provato dalla morte per tumore della madre. Questo evento scatenante provocò in lui non solo rabbia per l’accaduto ma anche una profonda sfiducia nella medicina dell’epoca. A suo dire i dottori non avevano potuto nulla né contro la malattia della madre né conto i dolori che l’avevano torturata fino alla fine. Fu per questo che decise di ritirarsi dalla vita politica per iniziare le sue ricerche mediche in solitaria. Nel 1850 acquistò i terreni dove sorgevano le rovine dell’antica Rocca di Savignano per porvi, il 5 novembre dello stesso anno, la prima pietra di quella che sarebbe divenuta la Rocchetta.

 

Bisognoso di trovare un rimedio ai problemi che gli si erano posti davanti con la malattia della madre, il Conte Mattei iniziò a studiare per conto suo l’omeopatia ma giunse presto a superarla: fu così che nacque l’Elettromeopatia, una terapia medica basata sull’abbinamento di granuli medicati e liquidi detti “fluidi elettrici”. Benché oggi possa apparire strano, all’epoca questa nuova medicina acquistò in breve tempo grande popolarità tanto che la produzione, che avveniva tutta all’interno della Rocchetta ed era iniziata solo nel 1881, presto divenne in grado di rifornire ben 26 depositi in tutto il mondo che arrivarono a 107 intorno al 1884 e crebbero ancora nel corso del secolo successivo.

 

Il mondo intero venne contagiato dalla febbre dell’Elettromeopatia, addirittura il Conte venne citato da Dostoevskij ne I fratelli Karamàzov: «Ma che filosofia e filosofia, quando tutta la parte destra del corpo mi si è paralizzata e io non faccio che gemere e lamentarmi. Ho tentato tutti i rimedi della medicina: sanno fare la diagnosi in maniera eccellente, conoscono la tua malattia come il palmo delle loro mani, ma non sono capaci di curare. [..] Disperato, ho scritto al conte Mattei a Milano, che mi ha mandato un libro e delle gocce, che Dio lo benedica.»

 

Le vicende private del Conte, la sfortuna economica in primis, gli resero difficile mantenere un edificio come la Rocchetta e la sua turbolenta vita familiare non lo aiutò a vivere serenamente gli ultimi anni. Sarebbe stato felice, comunque, di sapere che l’Elettromeopatia gli sopravvisse e che la produzione durò addirittura fino al 1956.

 

Rocchetta Mattei, un luogo che sembra spuntare direttamente da un libro di fiabe, frutto di una mente talmente geniale da riuscire ad inventare di sana pianta un’altra branca della medicina, non fu dunque solo un edificio, ma un’espressione pietrificata del genio del Conte Mattei. Il castello fu costruito in stile moresco, con un intreccio labirintico di scale, torri e torrette. La grandiosità degli spazi, mista alla profonda simbologia esoterica nascosta nell’architettura, rende la Rocchetta uno dei luoghi più curiosi, mistici e segreti da visitare nella campagna emiliana.

 

Come arrivare  a Rocchetta Mattei

Rocchetta Mattei, situata in Emilia Romagna ma quasi al confine con la Toscana, è facilmente raggiungibile sia da Bologna, da cui bisogna prendere l’autostrada A1 fino a Sasso Marconi dove si deve uscire per entrare sulla SS64 fino a Riola, sia da Firenze, prendendo autostrada A1 direzione Bologna fino a Pian del Voglio direzione Castiglion dei Pepoli, quindi direzione Camugnano, Riola.

 

Dove dormire a Bologna

Nato da un innovativo concetto di Ospitalità, l’HC3 è un Business Hotel situato in prossimità della Fiera di Bologna. Tutte le 37 camere sono finemente arredate, accoglienti e tecnologicamente avanzate. La Hall è uno spazio multifunzionale arredato con gusto e ricercatezza nei materiali e negli arredi. A disposizione degli ospiti un luminoso spazio fitness con macchine Technogym e Tv Lcd. L’Albergo Al Cappello Rosso, situato a 50 metri da Piazza Maggiore, cuore della città, si distingue per l’atmosfera raccolta. Le 38 camere, tra cui superior, junior suite, appartamenti, camere d’artista, business room, lady room, petfriendly room, camere per allergici e diversamente abili, sono curate in ogni dettaglio per offrire il massimo comfort. Tutte le camere dispongono di: free internet wifi, tv lcd, tea & coffee facilities, accappatoio e pantofole, kimono in seta e menu dei cuscini.

 

Dove dormire a Firenze e dintorni

L’Hotel Londra accoglie i suoi ospiti in un'atmosfera moderna, luminosa e dal design contemporaneo. La posizione è strategica: a due passi dalla Stazione Centrale di Santa Maria Novella e dal polo fieristico ed espositivo, ma anche dai monumenti, dai musei e dal fashion district. L’offerta è ampia e articolata: le 166 camere con balcone, arredate in uno stile minimal che esprime però carattere e personalità, sono pronte a soddisfare chi sceglie Firenze per un week end con la famiglia, il partner o in gruppo.

Inaugurato nel 2015, l'Hotel Spadai è un boutique hotel 4 stelle in centro a Firenze, frutto del completo restauro di un imponente Palazzo Rinascimentale a soli 100 metri dal Duomo. La struttura si trova nella miglior posizione per visitare Firenze a piedi: si trova infatti in via de’ Martelli, a soli 100 metri da Piazza Duomo, a 500 metri da Piazza Signoria, gli Uffizi e il Ponte Vecchio, circondato da caffè, bar, gelaterie, ristoranti e le boutique dei più grandi brand italiani e internazionali.

Il Calamidoro Hotel di Calcinaia, Pisa, è un antico Borgo trasformato in affascinante Hotel 4 stelle, composto da un Corpo Centrale con annesso Shop Ville e da un Borgo con l'antica Villa, al cui piano terra vi sono la reception e quattro dependances. Elegantemente arredato con i caldi colori del cotto toscano e del ferro battuto, al Calamidoro tutto esprime il gusto e lo stile di una regione di grande tradizione culturale. Tra i servizi: campo pratica golf, il laghetto, le piscine, un tipico ristorante toscano, una pizzeria, un'area relax e benessere.

Su Space Hotels

Space Hotels, gruppo alberghiero nato nel 1974, è attualmente presente nel nostro paese con una collezione unica di più di 60 alberghi indipendenti da 3 a 5 stelle in 35 destinazioni business e leisure. L’offerta di Space Hotels comprende: soggiorni di lavoro o di vacanza; organizzazione di meeting e congressi; la grande cucina di alcuni tra i migliori chef italiani; relax, massaggi e sauna in eleganti centri benessere. In ogni soggiorno sono sempre inclusi breakfast, una bottiglietta d’acqua e free Wi-Fi. Per le prenotazioni è attivo il numero verde gratuito 800.813.013, i GDS (codice SX) o il sito www.spacehotels.it.

 

 

 

 

 

 

 

 

Space Hotels – Numero verde 800.813.013

E-mail: space@spacehotels.it - Internet: www.spacehotels.it

 

 

 

Ufficio Stampa Travel Marketing 2, Roma

Alessandra Amati Cell. 335 8111049

 www.travelmarketing2.com

E-mail alessandra.amati@travelmarketing2.com -

Seguici su facebook

 

Camera 1
Camera 2
Camera 3

ASSISTENZA 800.813.013
Cancella prenotazione

Seguici su